A 5 anni dal primo corridoio umanitario

postato in: Chiesa e società | 0
[et_pb_section fb_built=”1″ _builder_version=”3.0.47″ custom_padding=”0|0px|23.174999237060547px|0px”][et_pb_row _builder_version=”3.0.47″ background_size=”initial” background_position=”top_left” background_repeat=”repeat”][et_pb_column type=”4_4″ _builder_version=”3.0.47″ parallax=”off” parallax_method=”on”][et_pb_image src=”http://www.metodisti.it/wp-content/uploads/2021/03/Schermata-2021-03-02-alle-15.35.21.png” _builder_version=”3.0.106″][/et_pb_image][et_pb_text _builder_version=”3.0.47″ background_size=”initial” background_position=”top_left” background_repeat=”repeat”]

Il 29 febbraio 2016 il primo volo, in sicurezza e legalità, dal Libano portava in Italia 24 famiglie siriane. Da allora il progetto dei corridoi umanitari, realizzato da Fcei, Tavola Valdese e S.Egidio, ha dato speranza a oltre 2 mila persone

Il 29 febbraio di cinque anni fa, nel 2016, arrivavano all’aeroporto di Fiumicino 24 famiglie siriane, grazie al progetto dei corridoi umanitaripromosso dalla Federazione delle chiese evangeliche in Italia (Fcei), con la Tavola valdese e la Comunità di S.Egidio, in accordo con i Ministeri degli Esteri e dell’Interno, e grazie al contributo dell’Otto per mille dell’Unione delle chiese valdesi e metodiste.

Da quel giorno grazie ai corridoi umanitari sono arrivate dal Libano, in sicurezza e legalità, con le loro valige, in Italia, duemila persone, per lo più di origine siriana.

Proviamo allora a raccontare questa esperienza attraverso le voci di due beneficiari del progetto, Fadi e Suleiman, con Paolo Naso, coordinatore di Mediterranean Hope, programma migranti e rifugiati della FCEI eFederica Brizi, responsabile dell’accoglienza della Fcei.

Qui sotto l’audio dei due interventi.

Articolo da NEV 

[/et_pb_text][/et_pb_column][/et_pb_row][/et_pb_section]
I commenti sono chiusi.