Con orrore abbiamo appreso dell’attentato suicida di domenica 17 dicembre u.s. perpetrato alla chiesa metodista di Quetta (Pakistan) durante il culto domenicale.

L’attentato da parte di 4 aggressori, di cui uno si è fatto saltare in aria, è stato rivendicato dall’ISIS, e ha causato almeno 8 vittime  e 44 ferite.

Le vittime sono state colpite per il semplice fatto di esercitare il diritto alla libertà religiosa in un paese a stragrande maggioranza musulmana, e brutalmente attaccate nel momento in cui più sono inermi e innocenti, nell’atto della preghiera, quando si riuniscono per celebrare e annunziare la fede in un Dio di pace, giustizia e amore. Ancor più, l’attentato è avvenuto nel periodo di avvento, quando l’intera cristianità si prepara a ricordare e festeggiare la nascita di Gesù.

Lettera dell’OPCEMI alla Chiesa del Pakistan

Leggi la dichiarazione del WMC

 

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi