Da www.nev.it del 26 agosto

E’ una predicazione contro il peccato culturale di chi si uniforma e si lascia plasmare dallo spirito del tempo, quello pronunciato oggi pomeriggio dal pastore Emanuele Fiume durante il culto che ha aperto a Torre Pellice (To) il Sinodo delle chiese metodiste e valdesi. Partendo dall’intenso brano profetico di Isaia 59, Fiume ha spiegato come questo peccato culturale diventi cultuale e poi sociale.

Il primo riferimento è al teologo luterano tedesco Dietrich Bonhoeffer, morto nel 1945 in un campo di prigionia nazista che diceva: “Chi non alza la voce in favore degli ebrei, non ha diritto di cantare il gregoriano!”: cioè chi con il proprio silenzio si uniforma alla barbarie del proprio tempo “non ha il diritto di pregare. Il peccato culturale diventa peccato cultuale”, tanto che “il mio canto irrita le orecchie del Signore”.

Non c’è però bisogno di spingersi indietro nel tempo per trovare esempi calzanti di questo peccato culturale, perché anche il nostro presente né è pieno. “All’inizio – ha affermato il predicatore – c’è  il peccato culturale: egoismo, menzogna e demonizzazione dell’avversario” che echeggiano in affermazioni come “La gente è stufa – condividi se sei indignato – se a te interessa degli altri, perché non te li prendi a casa tua?’. “Poi – ha proseguito Fiume – il peccato cultuale, con vangelini – ben chiusi – esibiti in campagna elettorale con ben altri intenti che la propria edificazione spirituale e, più in generale, con la religione degradata a simbolo identitario orgoglioso ed escludente. E infine il peccato sociale: la minaccia di chiusura dei porti agli immigrati da parte di settori del governo italiano al fine di esercitare una pressione internazionale”.

Il corteo sinodale si avvia dalla Casa valdese verso il tempio – Torre Pellice 26 agosto 2018

Il testo di Isaia ci conduce a confessare il nostro peccato culturale, da cui nessuno può dirsi immune, ma anche ci rassicura della presenza del Signore anche in questo tempo con il suo patto e la sua promessa che “ le mie parole che ho messe nella tua bocca non si allontaneranno mai dalla tua bocca, né dalla bocca della tua discendenza, né dalla bocca della discendenza della tua discendenza”. Una Parola libera, critica, che non si conforma allo spirito del tempo, ma è animata dallo Spirito di Dio.

Il testo integrale del sermone è disponibile sul sito della chiesa valdese in italiano, inglese, tedesco e francese.

Durante il culto è stata raccolta una colletta a favore degli sfollati del ponte Morandi di Genova.

I lavori del Sinodo sono proseguiti con l’elezione del seggio dell’Assemblea, presidente il pastore Daniele Bouchard e vice presidente Patrizia Bertesi, ed entreranno nel vivo domani con un fitto programma che comprende la presentazione della Ricerca Sociologica su Rispondenza e Statistiche Ecclesiastiche “Ri.So.R.S.E.”, il Bilancio sociale 2017 delle Chiese metodiste e valdesi e la consegna del “World Methodist Peace Award” all’Opera per le chiese evangeliche metodiste in Italia (OPCEMI). 

L’Agenzia stampa NEV-notizie evangeliche sarà presente come Ufficio stampa del Sinodo sin da sabato 25 agosto presso la “Casa Valdese” di Torre Pellice, in via Beckwith 2, tel. 0121.950035 cell. 342 113 4700, – (www.nev.it – Twitter: @nev_it – FB: @AgenziaNEV). #SinodoValdese

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi