Da NEV del 04 aprile 2019

“Nel giorno in cui si ricorda l’assassinio del pastore battista e leader del movimento per i diritti civili Martin Luther King, non possiamo non chiederci che ne è della sua testimonianza e della sua azione a sostegno delle minoranze discriminate – dichiara Luca Maria Negro, presidente della Federazione delle chiese evangeliche in Italia (FCEI) – E guardando le scene di odio razzista nei confronti dei Rom alle quali abbiamo assistito nei giorni scorsi o il cinismo con cui si commenta il salvataggio di alcune decine di profughi da parte della ong Sea Eye, la risposta è problematica e preoccupante. Il sogno di King di una umanità riconciliata che celebra la diversità etnica e religiosa è ancora lontano.

Ma il ragazzino che a Torre Maura ha sfidato i manifestanti che minacciavano i rom ed esibivano il saluto romano, il quale ha urlato che nessuno va lasciato indietro e che non è giusto prendersela con le minoranze, ci dice che il pensiero e l’azione di King hanno ancora una grande forza, che sta a noi rendere viva e attuale.
Ed è stato proprio King a insegnarci che la lotta contro il fascismo va di pari passo con quella contro le povertà e la marginalità sociale di tante persone che vivono in luoghi come Torre Maura.
Alla politica va ricordato che il suo compito primario è contrastare le povertà e non di soffiare sul fuoco del razzismo e dell’egoismo sociale”.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi