Da RIFORMA – 08 gennaio 2020

Dopo anni di dibattito interno sull’omosessualità, la parte più conservatrice si staccherà da quella progressista

La Chiesa metodista unita (Umc) – la seconda più grande denominazione protestante negli Stati Uniti – ha annunciato un piano per dividersi a causa delle differenti posizioni di opinione sulla questione dei matrimoni tra persone dello stesso sesso e del sacerdozio di uomini e donne omosessuali.

Dopo anni di discussioni la Umc ha formulato un documento nel quale vi sono delle proposte che aprono la strada verso la formazione di una nuova denominazione «metodista tradizionalista» per coloro che hanno una visione conservatrice del matrimonio e della sessualità.

La Chiesa metodista unita andrebbe avanti accettando formalmente il matrimonio tra persone dello stesso sesso e il clero LGBT. Ciò significherà cambiare la formulazione nel Libro della Disciplina della Umc, che attualmente afferma che l’omosessualità è «incompatibile con l’insegnamento cristiano».

Il documento di nove pagine, elaborato da un comitato di 16 membri composto da vescovi e dirigenti della Chiesa di entrambe le parti del dibattito, è stato pubblicato venerdì 3 gennaio e afferma che una separazione è «il mezzo migliore per risolvere le nostre differenze, consentendo a ciascuna parte della Chiesa di rimanere fedele alla sua comprensione teologica, riconoscendo al contempo la dignità, l’uguaglianza, l’integrità e il rispetto di ogni persona».

«La Chiesa Metodista Unita e i suoi membri – dopo un’attenta riflessione, discussione e preghiera – presentano delle differenze fondamentali riguardo alla loro comprensione e interpretazione delle Scritture, della teologia e della prassi», si legge nel documento.

Le congregazioni conservatrici che scelgono di aderire alla nuova denominazione tradizionalista saranno aiutate da un fondo di 25 milioni di dollari, mentre al clero in partenza sarà permesso di conservare le pensioni della Umc.

Nonostante lo scorso febbraio il 53% dei dirigenti della Chiesa e dei laici aveva espresso il desiderio di mantenere la posizione tradizionale della Umc sul matrimonio e sulla sessualità, è probabile che la maggior parte delle chiese e dei fedeli americani non si uniranno alla chiesa più conservatrice: secondo un sondaggio del 2014 del Pew Research Center, sei metodisti americani su dieci pensano che l’omosessualità debba essere accettata e quasi la metà è a favore dei matrimoni omosessuali. In generale la linea tradizionalista è preferita dai membri africani e asiatici della Chiesa Metodista Unita.

Il nuovo piano verrà presentato per la sua approvazione alla prossima Conferenza generale che si terrà a maggio 2020.

Il pastore della Pro-LGBT Thomas Berlin ha dichiarato al New York Times che il piano è un “gradito sollievo” per il conflitto nella Chiesa. «Sono molto incoraggiato dal fatto che la United Methodist Church abbia trovato il modo di offrire una soluzione a un lungo conflitto», ha affermato.

Keith Boyette, presidente della Wesleyan Covenant Association, che raggruppa oltre 1.000 congregazioni conservatrici, prevede che fino al 40% della denominazione negli Stati Uniti potrebbe lasciare la Chiesa Metodista Unita. Parlando al Wall Street Journal, ha dichiarato: «Ora come tradizionalisti possiamo concentrarci sui prossimi passi. Ciò non sarebbe possibile se non ci fosse questo tipo di piano di uscita».

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi