1848, re Carlo Alberto concede i diritti civili e politici ai valdesi

La popolazione valdese ricorda oggi l’ottenimento dei diritti civili e politici per concessione del re Carlo Alberto, nel 1848. Poche settimane dopo analoga decisione venne presa a favore degli ebrei.

I valdesi possono finalmente uscire dai ghetti alpini cui erano stati confinati. Il 17 febbraio è dunque Festa di libertà e il disegno che il bravissimo Mauro Biani ha donato al nostro giornale, un bambino che alimenta i famosi falò che vennero utiliizzati la sera del 16 febbraio 1848 per comunicare più velocemente l’esito positivo della trattativa col monarca, diventa simbolo di speranza per il futuro.

«Per me è un onore – ha detto Biani –. La vignetta è un omaggio fatto a Riforma e a tutti i protestanti italiani. Il disegno può essere tranquillamente considerato come un “bene comune”. Dunque, sono lieto che molti abbiano deciso di condividerlo e di farne un buon uso».

 Biani ricorda che «Razzismo, paure, violenze, sentimenti xenofobi e sofferenze stanno caratterizzando questi anni di transizione. Ciò che solo pochi anni fa avremmo trovato folle, orrendo, inaudito, oggi sembra esser diventato normale, banale. Per questo ho voluto rimarcare che la Festa del XVII febbraio è luce di libertà e diritti per tutti».

Buona festa a tutte e tutti.

Articolo da Riforma.it

Altri articoli da leggere

Liberi per servire

Una riflessione del pastore e storico valdese Giorgio Tourn sul XVII Febbraio. (Riforma.it) 

Falò valdesi… proviamo a fare chiarezza

Un documento inviato dalla Prefettura sembra concedere l’autorizzazione per l’accensione dei falò per la ricorrenza del XVII Febbraio, ma è davvero così? Clicca qui per continuare a leggere

EVENTO ONLINE: Clicca qui

17 febbraio: “Cittadinanza, libertà e cura al tempo del covid” – La settimana della libertà promossa dalla Fcei

La Festa della Libertà. Il podcast del Nev

Il secondo episodio dei podcast dell’agenzia NEV è dedicato al 17 febbraio, giorno in cui gli evangelici celebrano la Festa della Libertà, in ricordo delle Lettere Patenti attraverso le quali vennero concessi ai valdesi i diritti civili. Clicca qui per approfondire

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi