Giovani metodisti per la Cop26

postato in: Progetto COP26 | 0
[et_pb_section fb_built=”1″ _builder_version=”3.0.47″ custom_padding=”0|0px|54px|0px”][et_pb_row _builder_version=”3.0.47″ background_size=”initial” background_position=”top_left” background_repeat=”repeat”][et_pb_column type=”2_3″ _builder_version=”3.0.47″ parallax=”off” parallax_method=”on”][et_pb_text _builder_version=”3.0.47″ background_size=”initial” background_position=”top_left” background_repeat=”repeat”]

Un percorso lungo un anno, su iniziativa dell’OPCEMI, verso la Conferenza Onu per il cambiamento climatico, che si terrà nel 2021 a Glasgow (con due importanti appuntamenti anche a Milano). Protagonisti: i giovani metodisti

Roma (NEV), 15 ottobre 2020 – La Chiesa Metodista Britannica in collaborazione con il Joint Public Issues Team (JPIT) e All We Can, ente benefico per il sostegno e lo sviluppo, ha ideato un progetto internazionale di avvicinamento alla Cop26, la Conferenza ONU sul cambiamento climatico. 

L’evento è stato posticipato al 2021 e si svolgerà in due parti: a Milano, dal 28 al 30 settembre 2021, per la COP dei Giovani e sempre nel capoluogo lombardo dal 30 settembre al 02 ottobre 2021 per la pre-Cop, e a Glasgow, dall’1 al 12 Novembre 2021 per il summit “vero e proprio”.

Il percorso sarà sviluppato in particolare dai giovani e si inserisce nell’ambito dell’impegno delle Chiese metodiste nel mondo per la giustizia climatica.

Per la parte italiana, l’iniziativa è seguita e cofinanziata dall’Opera per le Chiese Evangeliche Metodiste in Italia (OPCEMI), con la collaborazione della Commissione globalizzazione e ambiente (Glam) della Federazione delle chiese evangeliche in Italia nella persona della sua coordinatrice, Antonella Visintin.

Sono previsti visite nelle comunità, convegni e progetti in collaborazione con la Federazione giovanile evangelica (FGEI), così come iniziative internazionali.

Tutti questi momenti, spiega l’OPCEMI in una nota, saranno “finalizzati a rafforzare la determinazione al cambiamento nelle chiese e nella società, a fronte dell’emergenza climatica e ambientale, ad unire le voci ed ascoltare con particolare attenzione le ragioni e le richieste del Sud del mondo e di chi emigra per motivi climatici”.

La referente e responsabile del progetto è Irene Abra della Chiesa Metodista di Novara che sarà coadiuvata da altri giovani metodisti nello sviluppo di un’attività lunga un anno, insieme alle referenti regionali dello Zambia, delle Fiji e del Regno Unito che compongono il team internazionale di lavoro.

Qui la locandina del progetto OPCEMI. 

 

[/et_pb_text][/et_pb_column][et_pb_column type=”1_3″ _builder_version=”3.0.47″ parallax=”off” parallax_method=”on”][et_pb_image src=”http://www.metodisti.it/wp-content/uploads/2020/10/Schermata-2020-10-20-alle-13.48.48.png” _builder_version=”3.0.106″][/et_pb_image][et_pb_image src=”http://www.metodisti.it/wp-content/uploads/2020/09/cop26_2021_logo-1.jpg” _builder_version=”3.0.106″][/et_pb_image][/et_pb_column][/et_pb_row][/et_pb_section]
I commenti sono chiusi.