Metodisti Un progetto di animazione musicale per suscitare nuovi talenti

postato in: In evidenza, mondo metodista | 0
[et_pb_section fb_built=”1″ _builder_version=”3.0.47″ custom_padding=”0|0px|31.1875px|0px”][et_pb_row _builder_version=”3.0.47″ background_size=”initial” background_position=”top_left” background_repeat=”repeat”][et_pb_column type=”2_3″ _builder_version=”3.0.106″ parallax=”off” parallax_method=”on”][et_pb_text _builder_version=”3.0.106″ text_font=”||||||||” text_line_height=”1.9em” text_font_size=”16px”]

da Redazione | Riforma.it 

È partito da qualche settimana il progetto dell’OPCEMI ( Oper per le chiese evangeliche metodiste in Italia), finanziato in collaborazione con la Chiesa metodista di Gran Bretagna, sull’Animazione Musicale “Music Ministry Enabler” il cui coordinatore è Antonio Montano, membro della chiesa metodista di Milano e delle Commissione Musica delle chiese metodiste e valdesi, laureato in Canto Lirico con un Master in Musicologia e attualmente iscritto al Corso di Laurea in Teologia alla Facoltà valdese di Roma.

“Nella tradizione metodista il canto è un mezzo fondamentale per evangelizzare e comunicare gli elementi della teologia protestante. Un ministero vivace e spirituale della musica e del canto – racconta Antonio – può rivitalizzare le comunità locali, rendendole più interessanti e partecipate sia per i membri della chiesa stessa sia per i visitatori di tutte le età”.

Il progetto vuole offrire supporto alle chiese locali che vogliano migliorare il loro approccio musicale riscoprendo elementi della tradizione musicale metodista nel mondo – si terrà conto delle lingue e della cultura dei membri di chiesa provenienti da altri paesi e presenti nelle nostre comunità – , ma pure ampliando lo sguardo ad altre tradizioni musicali e a generi moderni, sviluppando liturgie e culti all’insegna della musica, creando eventi musicali locali e circuitali.

Un focus particolare sarà indirizzato a quelle comunità che sempre più spesso sono prive di accompagnamento musicale, per aiutarle a indentificare membri di chiesa con doni musicali o che possano animare musicalmente un culto incoraggiandoli a seguire un percorso di formazione musicale. Il progetto, infatti, prevede anche l’organizzazione di seminari intensivi presso il Centro Ecumene (Velletri) per incoraggiare membri di chiesa a diventare a loro volta animatori e animatrici musicali nelle loro comunità.

“Crediamo che questo progetto contribuirà a incoraggiare i giovani e gli adolescenti a participare attivamente ai culti attraverso l’impiego di formare di culto più contestuale sia riscoprendo il patrimonio musicale mondiale sia guardando alle potenzialità coinvolgenti della musica protestante ed evangelica più moderna”.

È stato istituito un indirizzo di posta elettronica ad hoc (progettoanimazionemusicale@gmail.com) cui pastori, pastore e consiglieri di chiese metodiste possono rivolgersi per esporre le difficoltà musicali che riscontrano nelle loro comunità e per chiedere un incontro con il coordinatore del progetto.

[/et_pb_text][/et_pb_column][et_pb_column type=”1_3″ _builder_version=”3.0.106″ parallax=”off” parallax_method=”on”][et_pb_image src=”http://www.metodisti.it/wp-content/uploads/2020/10/IMGP0608-1.jpg” _builder_version=”3.0.106″ animation_style=”slide” box_shadow_style=”preset2″][/et_pb_image][et_pb_text _builder_version=”3.0.106″]

Il M° Antonio Montano

[/et_pb_text][et_pb_image _builder_version=”3.0.106″][/et_pb_image][/et_pb_column][/et_pb_row][/et_pb_section]
I commenti sono chiusi.