Oltre 100 studenti rapiti in una scuola battista in Nigeria

postato in: Chiesa e società, dal mondo | 0
[et_pb_section fb_built=”1″ _builder_version=”3.0.47″ custom_padding=”0|0px|54px|0px”][et_pb_row _builder_version=”3.0.47″ background_size=”initial” background_position=”top_left” background_repeat=”repeat”][et_pb_column type=”4_4″ _builder_version=”3.0.47″ parallax=”off” parallax_method=”on”][et_pb_image src=”http://www.metodisti.it/wp-content/uploads/2021/07/Schermata-2021-07-06-alle-17.38.56.png” _builder_version=”3.0.106″][/et_pb_image][et_pb_text _builder_version=”3.0.47″ background_size=”initial” background_position=”top_left” background_repeat=”repeat”]

Ennesimo episodio di rapimento di studenti nel Paese africano a scopo estorsivo

«I nostri cuori e le nostre preghiere sono con tutti coloro che sono stati rapiti e con coloro che stanno pregando affinché Dio nella sua infinita misericordia li riporti sani e salvi. Grazie a Dio per i 26 studenti che hanno ottenuto la libertà. Questo atto barbaro non resterà impunito. Sosterremo sempre la libertà».

Con queste parole la direzione della Bethel Baptist High School di Kaduna, nel nord della Nigeria, commenta il rapimento avvenuto nella notte fra domenica e lunedì di circa 140 studenti che dormivano nello studentato. Si tratta dell’ennesimo episodio simile nel Paese africano: dieci rapimenti di massa soltanto negli ultimi mesi, a scopo di estorsione, e decine di casi negli ultimi anni.

kaduna-state-nigeria.png_0.jpeg

Fondato dalla Bethel Baptist Church a Kaduna, una chiesa membro della Nigerian Baptist Convention (Nbc), il collegio è stato attaccato dopo che i rapitori hanno neutralizzato il personale di sicurezza.

Joseph Hayab, pastore battista e presidente della Christian Association of Nigeria (Can) della regione di Kaduna, raggiunto dalla testata Msn ha affermato che suo figlio è tra coloro che sono scampati per un pelo al rapimento: «In questo momento sono senza parole. La scuola è un ministero educativo della mia chiesa. Questa è una situazione molto, molto triste per noi».

«Oggi è un giorno di lutto, poiché siamo addolorati per quello che è l’attacco più grave e la più grande tragedia patita dalla comunità battista in Nigeria- ha detto al sito Ct Elijah Brown, segretario generale della Baptist World Alliance che raggruppa oltre 200 chiese battiste nel mondo per un totale di oltre 80 milioni di fedeli e di cui è parte anche l’Ucebi, l’Unione cristiana evangelica battista d’Italia-. Faccio eco alle parole di un leader battista di Kaduna, “La nostra chiesa sta soffrendo seriamente”».

Brown ha ricordato che ad aprile, nella stessa zona, è stato attaccato un culto domenicale alla Haske Baptist Church, con un bilancio di un membro morto e quattro persone ancora oggi in mano ai rapitori.

Nella World Watch List 2021 dei 50 paesi in cui è più difficile essere cristiani, la Nigeria è entrata per la prima volta nella top 10, salendo al n. 9 dal n. 12 nel corso del 2020.

I leader cristiani in Nigeria hanno affermato di ritenere che gli attacchi di alcuni clan di pastori Fulani alle comunità cristiane nella regione nigeriana siano ispirati dal loro desiderio di conquistare con la forza le terre dei cristiani e imporre l’Islam poiché la desertificazione ha reso loro difficile il sostentamento delle loro mandrie.

L’Alleanza battista mondiale classifica la Nigeria come il secondo paese più vulnerabile al mondo per i battisti nel suo primo indice di vulnerabilità, che valuta le sfide del ministero, tra cui libertà religiosa, violenza, fame e mezzi di sussistenza, nei 126 paesi e territori con membri Bwa.

«Esorto tutti noi a sostenere, lavorare per un buon governo in tutta la regione e a pregare con fervore per questi giovani che stanno vivendo questo orribile trauma», ha concluso Brown. «Il loro rilascio è la prima priorità e le nostre preghiere rimangono con loro e le loro famiglie che stanno sopportando un enorme dolore».

[/et_pb_text][/et_pb_column][/et_pb_row][/et_pb_section]
I commenti sono chiusi.