Quel Creato «post-noi»

postato in: Chiesa e società, Progetto COP26 | 0
[et_pb_section fb_built=”1″ _builder_version=”3.0.47″ custom_padding=”2px|0px|31.209239959716797px|0px”][et_pb_row _builder_version=”3.0.47″ background_size=”initial” background_position=”top_left” background_repeat=”repeat”][et_pb_column type=”4_4″ _builder_version=”3.0.47″ parallax=”off” parallax_method=”on”][et_pb_text _builder_version=”3.0.47″ background_size=”initial” background_position=”top_left” background_repeat=”repeat”]

Il Cec sostiene l’appello dei giovani per la giustizia climatica

da Riforma.it / 26 novembre 2020

Il Consiglio ecumenico delle chiese (Cec) sostiene l’appello per l’azione sulla giustizia climatica lanciato dalle organizzazioni religiose giovanili globali.

Un appello – promosso dalla Federazione Cristiana Mondiale degli Studenti in Europa, dalla Rete del Consiglio Ecumenico della Gioventù in Europa, dalla Federazione Mondiale Luterana, dalla Rete Cristiana Ambientale Europea e dall’Unione Buddista giovanile – che sta raccogliendo molte altre adesioni di organizzazioni per chiedere la giustizia climatica. «La distruzione prolungata e incessante della Terra, la nostra casa comune, va contro i valori e gli insegnamenti che noi giovani di fede abbracciamo e sosteniamo», si legge nell’appello.

«Riconosciamo che alcuni di noi sono più fortunati e dunque meno colpiti dall’emergenza climatica ma ci impegniamo a lavorare per trovare soluzioni e strategie che riducano questa deriva ambientale. Lavoreremo per creare un mondo più verde e giusto; un mondo che possa garantire l’uguaglianza tra le persone, tra i paesi e i continenti diversi», si legge ancora.

«È fondamentale agire non solo come singoli individui ma come collettività, sollecitare chi detiene il potere ad assumersi le responsabilità per le scelte prese e quelle invece declinate, in tema ambientale».

L’appello dei giovani, dunque, intende gettare le basi affinché vi sia una equa rappresentanza delle minoranze, dei giovani e delle donne nei processi decisionali e nelle politiche di pace: «Esortiamo i nostri leader religiosi ad essere guide autorevoli e ad accompagnare le nostre comunità verso un mondo più prospero e più economicamente e ecologicamente giusto», ricorda ancora l’appello.

L’esortazione infine è quella di «seguire le Scritture, l’insegnamento religioso, il linguaggio religioso, per dare l’esempio alle comunità rappresentate e guidate in un ottica di cambiamento e di salvaguardia del Creato».

Il messaggio ricorda poi ai leader religiosi di «essere «esempi da seguire» (attori di questo cambiamento) sia per la società, sia per le comunità religiose: «ricordando che il nostro pianeta non appartiene solamente alla società oggi vivente, ma soprattutto appartiene a coloro che verranno dopo di noi», conclude il messaggio.

 

Foto: 60,000 young people in the street of New York to call for climate justice. 2019 Photo: Marcelo Schneider/WCC
[/et_pb_text][et_pb_image src=”http://www.metodisti.it/wp-content/uploads/2020/11/Schermata-2020-11-27-alle-11.59.41.png” _builder_version=”3.0.106″][/et_pb_image][/et_pb_column][/et_pb_row][/et_pb_section]
I commenti sono chiusi.