Un’eredità musicale di fede e testimonianza

[et_pb_section fb_built=”1″ _builder_version=”3.0.47″ custom_padding=”0|0px|31.1875px|0px”][et_pb_row _builder_version=”3.0.47″ background_size=”initial” background_position=”top_left” background_repeat=”repeat”][et_pb_column type=”4_4″ _builder_version=”3.0.47″ parallax=”off” parallax_method=”on”][et_pb_image src=”http://www.metodisti.it/wp-content/uploads/2021/04/Schermata-2021-04-22-alle-13.00.42.png” _builder_version=”3.0.106″ align=”center”][/et_pb_image][et_pb_text _builder_version=”3.0.47″ background_size=”initial” background_position=”top_left” background_repeat=”repeat”]

Seminario online del Progetto di animazione musicale metodista, aperto a tutte e tutti, anche non musicisti

«In passato, il popolo metodista è stato formato dal vocabolario teologico e dall’espressione poetica degli inni wesleyani, attraverso i quali è stata trasmessa gran parte della dottrina metodista: amore per Dio e per il prossimo attraverso una fede in azione che è testimonianza al mondo.

Gli inni sono stati fondamentali per il culto e la spiritualità metodista – scrive il maestro Antonio Montano, referente del Progetto di Animazione musicale metodista dell’Opera per le chiese metodiste in Italia/Opcemi, annunciando un’importante iniziativa – e oggi desideriamo riappropriarci di questa tradizione e del patrimonio musicale protestante coniugandolo con lo spirito dell’attualità per aiutare le nostre chiese locali, le reti locali di donne e uomini credenti, a testimoniare la fede attraverso il prezioso strumento che è la musica».

Così a tal proposito, il Progetto di Animazione musicale ha organizzato un seminario dal titolo «La musica in chiesa. Alla scoperta dell’eredità musicale metodista e oltre» che, a causa della persistente emergenza da pandemia, si svolgerà in modalità telematica, il prossimo sabato 24 aprile dalle 16 alle 18 su zoom.

«Il Seminario – prosegue il testo di presentazione – riguarderà vari temi relativi alla musica nella chiesa e all’innologia nelle diverse epoche con interventi dei professori della Facoltà valdese di Teologia Daniele Garrone e Enrico Benedetto, del pastore emerito della Chiesa metodista di Gran Bretagna Tim Macquiban, della cantautrice Naomi Cino, e della presidente dell’Opcemi, pastora Mirella Manocchio.

Per partecipare non è indispensabile essere musicisti: l’intenzione del progetto, infatti, è iniziare un percorso per stimolare le persone all’interno delle nostre chiese, che amano la musica e credono che questa possa essere un veicolo di evangelizzazione, ad approfondire la conoscenza e la storia delle nostre tradizioni musicali, ma anche a fornire utili strumenti pratici di animazione per diventare, qualora lo desiderino, animatori e animatrici musicali.

Potete trovare i link per i collegamenti zoom sulla pagina facebook dell’OPCEMI e sul sito (www.metodisti.it). Vi chiediamo, per fini organizzativi, di scrivere per fare sapere la vostra partecipazione ai seguenti indirizzi di posta elettronica: metodismo@chiesavaldese.org e animazionemusicalemetodista@chiesavaldese.org».

[/et_pb_text][/et_pb_column][/et_pb_row][/et_pb_section]
I commenti sono chiusi.