All’inizio del vertice sul clima le chiese chiedono di agire

postato in: dal mondo | 0
[et_pb_section bb_built=”1″ _builder_version=”3.0.106″][et_pb_row _builder_version=”3.0.106″][et_pb_column type=”2_3″][et_pb_text _builder_version=”3.0.106″ background_layout=”light”]

Da NEV del 23 settembre 2019

Le chiese chiedono un’azione immediata sulla giustizia climatica alla vigilia del vertice delle Nazioni Unite sull’azione per il clima a New York

Mentre gli stati si riuniscono al vertice delle Nazioni Unite per l’azione per il clima, che si sta svolgendo oggi, ACT Alliance, la Federazione luterana mondiale (FLM) e il Consiglio ecumenico delle chiese (CEC), che insieme rappresentano 580 milioni di cristiani in tutto il mondo, hanno diramato un messaggio congiunto con cui chiedono giustizia climatica e azioni immediate.

“Le nostre chiese stanno spingendo i governi di tutto il mondo a prendere misure più forti e presentare piani concreti per affrontare i cambiamenti climatici – ora” si legge nel documento, che prosegue ricordando gli impatti dei cambiamenti climatici che il mondo sta affrontando e le conseguenze catastrofiche che questo sta generando: “l’uragano Dorian, il ciclone Idai, gli incendi dell’Amazzonia, le inondazioni in India, Bangladesh e Myanmar, la siccità nel Corno d’Africa. Ci sarà ‘un prossimo disastro’ e le persone più vulnerabili rischiano probabilmente di affrontare il peso maggiore del suo impatto”.

Le chiese chiedono alle Nazioni Unite “di agire in modo ambizioso” e “di lavorare con rinnovato vigore per mantenere l’innalzamento della temperatura globale al di sotto di 1,5°C. Il momento di agire è adesso. La nostra cura per la creazione di Dio non può permetterci più ritardi”.

L’appello è rivolto anche alle stesse comunità di fede per lavorare “uniti contro chi cerca di negare fatti scientifici e mettere a tacere le voci delle donne, dei giovani, degli indigeni e di altri che rischiano di perdere tutto mentre i cambiamenti climatici devastano le loro vite e i loro mezzi di sostentamento”.

“La trasformazione radicale deve avvenire ora” concludono.

Leggi qui il documento integrale.

[/et_pb_text][/et_pb_column][et_pb_column type=”1_3″][et_pb_image src=”http://www.metodisti.it/wp-content/uploads/2019/09/vertice-clima-696×522.jpg” show_in_lightbox=”on” _builder_version=”3.0.106″ animation_style=”slide” animation_direction=”left” animation_duration=”500ms” animation_intensity_slide=”10%” box_shadow_style=”preset2″ url_new_window=”off” always_center_on_mobile=”on” use_overlay=”off” force_fullwidth=”off” show_bottom_space=”on” title_text=”Soldati e polizia ungheresi controllano rifugiati e migranti che entrano nel paese a Beremend, un villaggio lungo il confine con la Croazia. Centinaia di migliaia di rifugiati e migranti dalla Siria e da altri paesi hanno attraversato l’Ungheria nel 2015, verso l’Europa occidentale. Foto Paul Jeffrey – ACT Alliance” /][/et_pb_column][/et_pb_row][/et_pb_section]
I commenti sono chiusi.