Continua la serie di incontri su “COVID e oltre”. La riflessione della Comunione mondiale di chiese riformate si concentra questa volta su Medio Oriente e popolo palestinese

 

Continua il “processo di discernimento” della Comunione mondiale di chiese riformate (CMCR). Si tratta di un ciclo di incontri online sul tema “COVID e oltre”.

Il prossimo appuntamento è mercoledì 28 aprile alle 15. Si tratta di un’occasione per condividere idee e riflessioni su aree di particolare urgenza. Nel contesto della pandemia di covid-19 le chiese sono chiamare a rispondere alle ingiustizie e alla crisi.

Questo incontro vede la partecipazione delle chiese del Medio Oriente con una presentazione dal titolo “La fede in mezzo alle calamità”. Questa regione è caratterizzata da instabilità, incertezza e continui problemi. Le chiese riformate in Egitto, Libano, Iran, Iraq e Siria sono parte inseparabile delle loro società. Esse stanno vivendo diversi tipi di calamità. “Tuttavia – si legge nella presentazione dell’evento -, in mezzo a quelle calamità, queste chiese stanno sperimentando la presenza di Dio. E stanno ascoltando la sua chiamata a portare fede e  speranza per le loro società”.

La seconda presentazione si concentra specificamente sul popolo palestinese, con cui la CMCR si è impegnata ai fini della giustizia e della speranza. L’intervento si basa sul documento “Cry for Hope: A Call to Decisive Action” della coalizione Kairos Palestine, che la CMCR invita a firmare. Fra i temi: gli ultimi sgomberi forzati di famiglie palestinesi, la difficile situazione della popolazione di Gaza e le aspirazioni dei giovani. Una riflessione teologica va fatta anche sulla situazione palestinese nel contesto del colonialismo, dell’occupazione e dell’impero.

Il cerchio di condivisione sarà trasmesso in live streaming sulle pagine Facebook del CMCR, in inglese, francese, spagnolo e pubblicato sul canale WCRC YouTube Channel.

È possibile partecipare con commenti e messaggi, scrivendo a questo indirizzo di posta elettronica: require@wcrc.eu


Cosa vuole Dio da noi?

“Cosa vuole Dio da noi? Discernere, confessare e testimoniare ai tempi del COVID-19 e oltre”. È il processo di discernimento, della durata di un anno, in vista dell’incontro in presenza previsto per la fine del 2021.

Il percorso culminerà con la confessione collettiva della Comunione in occasione dell’Assemblea generale del 2024, dal titolo “Un Dio della vita”.

Ulteriori informazioni sono disponibili su wcrc.ch/require.

Articolo di Agenzia NEV

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi