Accensione della corona d’Avvento

postato in: Chiesa e società, dal mondo | 0
[et_pb_section fb_built=”1″ _builder_version=”3.0.47″ custom_padding=”0|0px|25.869565963745117px|0px”][et_pb_row _builder_version=”3.0.47″ background_size=”initial” background_position=”top_left” background_repeat=”repeat”][et_pb_column type=”4_4″ _builder_version=”3.0.47″ parallax=”off” parallax_method=”on”][et_pb_text _builder_version=”3.0.106″ background_size=”initial” background_position=”top_left” background_repeat=”repeat”]

Come per la maggior parte di quanto concerne la fede,
noi abbiamo addomesticato
l’Avvento,
trasformandolo in un piccolo gattino
appisolato al sole,
invece della forza

spontanea, ruggente e feroce
che si aggira intorno a noi.

Così, mentre accendiamo
questa candela di speranza,
ascoltiamo Dio che ci chiama
per avvicinarci alla speranza
che infiamma le nostre anime compiacenti,
per afferrarla

finché essa sciolga le dita congelate dei nostri cuori,
trasformandosi in un fiammeggiante falò

che attira tutti coloro che sono soli, impauriti,
dimenticati e nascosti nell’ombra dell’incertezza
alla sua luce, al suo calore, nella sua comunità.

di Thom M. Shuman, pastore presbiteriano degli USA

Clicca qui per la versione in inglese

[/et_pb_text][et_pb_image src=”http://www.metodisti.it/wp-content/uploads/2020/12/Advent-Candles-715×400.jpg” _builder_version=”3.0.106″][/et_pb_image][/et_pb_column][/et_pb_row][/et_pb_section]
I commenti sono chiusi.