Bolivia. Messaggio del vescovo metodista di fronte alla crescente tensione

postato in: dal mondo | 0
[et_pb_section bb_built=”1″ _builder_version=”3.0.106″][et_pb_row _builder_version=”3.0.106″][et_pb_column type=”2_3″][et_pb_text _builder_version=”3.0.106″ background_layout=”light”]

Da NEV del 28 ottobre 2019

Il vescovo Antonio Huanca, della Chiesa metodista evangelica in Bolivia, ha pubblicato un messaggio aperto al popolo boliviano dopo le ultime elezioni presidenziali

Secondo il Supremo tribunale elettorale (TSE) della Bolivia, il presidente Evo Morales, candidato del Movimiento al Socialismo, ha battuto Carlos Mesa, del partito conservatore Comunidad Ciudadana con il 47,07% del totale dei voti espressi contro il 36,51% ottenuto da Mesa, nelle elezioni dello scorso 20 ottobre.

Secondo la costituzione boliviana, il candidato che raggiunge oltre il 50% dei voti totali espressi o che ottiene un vantaggio di oltre il 10% di differenza sul suo avversario più prossimo, non dovrà andare a un secondo turno elettorale.

Il candidato dell’opposizione Carlos Mesa non ha riconosciuto i risultati, sostenendo di aver ottenuto una percentuale maggiore di voti, e che è stata commessa una frode per evitare un secondo turno elettorale, e ha invitato i suoi sostenitori a manifestare contro i risultati ufficiali e questo ha causato una serie di scontri, rivolte e violenze di strada.

Di fronte al crescente clima di conflitto e agli scontri pubblici tra i diversi settori politici e le forze dell’ordine, vescovo Antonio Huanca, della Chiesa evangelica in Bolivia, ha reso pubblico un messaggio “Alla gente dello stato plurinazionale della Bolivia” in cui esprime la sua preoccupazione per quanto sta accadendo e chiede soluzioni pacifiche e condivise.

“Ci commuove e lascia in noi una profonda preoccupazione la confusa situazione, la violenza, lo scontro che si sono generati negli ultimi giorni nel nostro paese” si legge nel testo che si richiama ai valori fondamentali di pace, giustizia e dialogo della società boliviana e si appella ad una soluzione “razionale e pacifica basata su tolleranza, unione, impegno cristiano e amore per il prossimo”.

Leggi qui il testo integrale del messaggio.

[/et_pb_text][/et_pb_column][et_pb_column type=”1_3″][et_pb_image src=”http://www.metodisti.it/wp-content/uploads/2019/10/BOLIVIA-696×466.jpg” show_in_lightbox=”on” _builder_version=”3.0.106″ animation_style=”slide” animation_direction=”left” animation_duration=”500ms” animation_intensity_slide=”10%” box_shadow_style=”preset2″ url_new_window=”off” always_center_on_mobile=”on” use_overlay=”off” force_fullwidth=”off” show_bottom_space=”on” title_text=”Soldati e polizia ungheresi controllano rifugiati e migranti che entrano nel paese a Beremend, un villaggio lungo il confine con la Croazia. Centinaia di migliaia di rifugiati e migranti dalla Siria e da altri paesi hanno attraversato l’Ungheria nel 2015, verso l’Europa occidentale. Foto Paul Jeffrey – ACT Alliance” /][/et_pb_column][/et_pb_row][/et_pb_section]
I commenti sono chiusi.